Mala Tibetano

La Mala Tibetana e approfondimenti riguardo questo speciale simbolo, chiamato anche amuleto, collana o rosario tibetana legata alla religione buddista.

Mala Tibetano Preghiera

I Mala tibetani o nepalesi, conosciuti anche come rosari buddisti, vengono spesso usati per la meditazione sono composti da 108 grani di materiali diversi come legno, rudraksha (i più diffusi) oppure in pietre varie.
 

 

Come si usa la mala?

La mala viene usata spesso recitando un mantra per ogni grano, con la mano destra si fa scorrere la Mala tra l'anulare e il pollice in direzione oraria.

Ad ogni grano corrisponde una preghiera.

(vedi immagine qui sotto)

Oltre ad utilizzarlo per la meditazione e la preghiera, puoi indossarlo tutti i giorni come una collana o come un bracciale ricordandoti però che ha un significato particolare!

Il Mala o La Mala viene indossato al collo come collana oppure al polso, può essere pendente in modo da poter far scorrere le perline per la preghiera ma anche avvolto su se stesso più volte per essere pratico da indossare.

 

 

Ti ricordiamo che ha una storia antichissima che risale a più di 6000 anni proprio per la semplicità e utilità nella vita religiosa indipendentemente dal credo.

Alcuni mala disponibili:

Nelle foto potete notare la differenza tra i Mala in Legno, rudraksha e Mala in Pietre Dure.

Vi diamo alcune spiegazioni che possono esservi utili nella scelta del giusto Japmala (o mala) per voi:

Cos'è e come è fatta una Mala?

Mala è una parola sanscrita che significa “ghirlanda, collana" e serve per contare i Mantra, cioè le parole o frasi sacre che vengono recitati. Viene utilizzata da secoli in tutte le scuole Buddhiste come strumento di preghiera molto simile al Rosario Cattolico. La Mala utilizzata nel Buddhismo si compone di 108 grani (Japamala Collana) oppure da 21 o 27 (Mala da Polso). Alcune Collane hanno tre grani di diverso colore o materiale posti in posizioni specifiche: al 21° grano da entrambi i lati e il terzo a metà dle mala 33° grano.
 
Come prenderti cura della tua mala o Japamala?

E' bene conservare la mala con rispetto e gentilezza e tenerla in un luogo pulito.
Ci sono poche precauzioni da prendere quando vuoi proteggere il tuo mala.

  • Non farlo bagnare: potrebbe rovinarsi.

  • Onoralo sempre: stai maneggiando un oggetto sacro e delicato.


 


Mala in legno di sandalo, significato:
 
Il Sandalo ha un'azione rilassante, che lo rende pratico quando si fa meditazione.
.L'albero di Sandalo è un piccolo albero, il Santalum Album che può vivere anche 100 anni.
La parte interna del tronco del sandalo è molto coriacea, per questo motivo le termiti non sono in grado di distruggerla. L’albero di sandalo, perciò, è considerato in India un albero protettivo contro gli spiriti maligni.
Il Sandalo ha sempre avuto anche un significato religioso. Il suo legno veniva usato per costruire templi e statue degli dei, mentre sencondo il credo induista, i sovrani defunti dovevano essere imbalsamati con l’olio essenziale di sandalo per favorire una rinascita migliore.


Mala (o japamala) collana in legno di rosa:


Le Japamala in Legno di Rosa (o Palissandro) provengono da un albero della famiglia delle Lauraceae. Si ritiene che sia indicato principalmente contro le negatività, contro i pensieri negativi per rafforzare ottimismo e tener lontane tristezza e malinconia. Il Legno di Palissandro ha un'energia basata sulle qualità del cuore, come compassione e amore.


Japamala in pietre dure:


Ci sono poi un'incredibile varietà di Japamala in pietre dure, differenti nel colore, nelle sfumature e soprattutto nelle proprietà. Ogni pietra dura ha una specifica gamma di proprietà che possono aiutare in diverse occasioni. La scelta della pietra è strettamente personale. 
Alcuni esempi di Japamala Rosari Tibetani in pIetra dura:

Mala in Occhio di tigre
Mala in ametista
Mala in quarzo citrini
Mala in Agata
Mala in Onice
Riconoscete la pietra originale dal fatto che è fredda al tatto.

Cosa significano i vari colori e materiali?

Pietra: Mala della resistenza
Legno: Mala della durezza all'interno e flessibilità
Semi: Mala del richiamo all'origine e delle novità


Perché i mala hanno 108 grani ?

il 108 è considerato un numero sacro e legato alle pratiche dello yoga e del Dharma ecco alcune motivazioni:

Divinità induiste hanno 108 nomi.
Danza cosmica con 108 pose.
108 numero dei peccati nel buddhismo tibetano
108 numero di stelle nell'astrologia cinese.
Campana in giappone alla fine dell'anno suonata 108 volte
Numero di energie nel chakra del cuore 108
Diametro del sole è 108 volte quello della terra

>>>Guarda i Mala Disponibili sul nostro sito<<<