Panchen Lama - Chi è, che fine ha fatto l'attuale?

Tutte le informazioni riguardo la storia del Panchen Lama, chi è, il significato nella storia, chi ha provato a liberarlo e chi no? proviamo a dare uno sguardo al futuro !


Panchen Lama, cosa vuol dire?


Prima di tutto è importante dire che "Panchen Lama" è un titolo e non una persona, spesso si fa confusione.

Questo titolo è assegnato solo ai riconosciuti come discendenti di Lama, letteralmente il significato pan chen (པན་ཆེན་) vuol dire grande studioso.

L'etimologia della parola è particolarmente complessa, per i più curiosi su Wikipedia trovate tutta la sotoria della parola. [Etimologia Parola]


Questo titolo viene tramandato da moltissimo tempo, il primo Panchen Lama fu Khedrup Gelek Pelzang 1385.


Chi è il Panchen Lama attuale?


panchen lama attuale- Gedhun Choekyi

Il suo nome è Gedhun Choekyi.

Nato a Lhari il 25 Aprile 1989, riconosciuto come undicesimo Pachen Lama, seconda maggiore carica del buddhismo tibetano.

L' attuale Dalai Lama lo elevò allo stato di Panchen Lama il 14 Maggio 1995, lo stesso anno la "Repubblica" Cinese lo rapì, sostituendone con un altro di loro interesse e sotto il loro controllo.


Non sappiamo tanto su di lui, scrivere così poco è davvero triste, ma la storia continua!


Aveva 6 anni quando il governo Cinese lo ha rapito, come tutta la sua famiglia.


Oltre a questo fatto, proprio il riconoscimento del piccolo da parte di Sua Santità ha scaturito in Tibet, una durissima campagna di denuncia del Dalai Lama e di tutti quei tibetani, religiosi e laici, che si dichiarano favorevoli alla sua scelta.

Con l'accusa di creare tensioni e conflitti in Tibet.

[HH Dalai Lama è premio Nobel per la Pace].


Il monastero di Tashilunpo, come puoi leggere a fine pagina è importantissimo nella tradizionale sede dei Panchen Lama, è stato sottoposto ad un regime di rigido controllo di polizia e diverse decine dei suoi monaci sono stati arrestati o espulsi per avere pubblicamente espresso la loro solidarietà al Dalai Lama.


Perché è stato rapito?


La speranza fa paura alla Cina, dove non c'è speranza c'è solo paura.

Crediamo che siano questi i motivi principali, la Cina ha distrutto uno stato pacifico facendo milioni di morti.

Il popolo tibetano non ha mai abbandonato il Dalai Lama, una luce nell'odio della Cina.

Come la tradizione insegna dopo la morte del Dalai Lama, succede colui che è stato riconosciuto come sua reincarnazione, un motivo politico e di supremazia cerca quindi di ROMPERE questa tradizione.

Il "Falso Panchen Lama" sostituito dalla Cina ha il compito di modificare la tradizione e obbedire al partito, il tutto si crede come figura gradita anche dai tibetani, ovviamente si sbagliano.


Panchen Lama che fine ha fatto?


La verità è che non si sa.

DI lui e della sua famiglia si sono perse ogni tipo di tracce.

Dopo tutti questi anni dalla sua scomparsa si può credere che siano stati uccisi oppure tenuti in vita, così anche da impedire la reincarnazione.


Il più Giovane prigioniero politico della storia.


E' imbarazzante dire che nessuno stato abbia mai chiesto notizie e sia sia fatto avanti, la paura di andare contro la Cina ha vinto anche su di loro.


Grazie alle nazioni unite e amnesty international che hanno fatto sentire la loro voce.


Da sempre amnesty international appoggia la causa tibetana e chiede chiarezza sui fatti!

Non ha mai ricevuto risposta.


ONU ( Consiglio dei diritti Umani) ha discusso in data 2 Luglio 2019 a Ginevra in merito alla faccenda del piccolo (ormai 31 anni ... ) Panchen Lama.

Sappiamo che il gruppo di lavoro per le Nazioni Unite sulle sparizioni involontarie o forzate ha ripetutamente affrontato il caso e ha invitato la Cina a rendere pubblico il luogo in cui si trova il Panchen Lama.


Durante la seduta del Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU, l’APM ( associazione che dà voce alle vittime delle violazioni dei diritti umani) ha criticato il fatto che proprio all’inizio della seduta è stata data la parola al vice-governatore dello Xinjiang. “Non può essere”, ha detto il referente dell’APM, “che una persona che è direttamente coinvolta negli arresti di massa arbitrari di Uiguri, Kazachi e Kirghisi abbia la possibilità di esporre la sua versione per 25 minuti davanti al Consiglio dei Diritti Umani mentre le organizzazioni per i diritti umani fanno sempre più fatica a trovare spazi e a farsi sentire dalle Nazioni Unite.”


La risposta Cinese: il bambino e i suoi genitori “sono stati affidati al Partito Comunista per essere protetti dai tentativi di rapimento messi in atto dai seguaci del Dalai Lama e della sua cricca, il bambino è al sicuro come richiesto dai genitori”

Insomma quando si dice girare le notizie!


Risposta dalla Cina nel 2020 [Leggi qui]


Aggiornamento da Ginevra ONU Agosto 2020 [Leggi qui]



Importante:

La repressione religiosa non è una novità in Cina ma sta costantemente crescendo. Milioni di Tibetani subiscono da decenni il controllo statale sull’esercizio della loro religione, ma lo stesso vale anche per i Cristiani e per i seguaci del movimento Falun Gong. Attualmente chi maggiormente subisce le violenze di Pechino sono però i credenti musulmani nella regione dello Xinjiang.

Almeno 1,5 milioni di musulmani dello Xinjiang sono internati in campi di lavoro forzato e l’intera regione viene monitorata tramite un controllo digitale senza precedenti.


23 Dic 2019 Il partito comunista è il più grande Dio [Correre della sera]


Non possiamo che dire #FreeTibet


Storia

Il Monastero di Bkra shis lhun-po (Oggi chiamato Tashilhunpo ) è la sede tradizionale del Pan Chen Bla Ma, il monastero rimane luogo di culto.

Durante l'invasione cinese molti testi sono andati distrutti e lo stesso monastero è stato in parte distrutto. Sede per più di 4000 monaci era una delle strutture più importanti nella cultura tibetana. Oggi è sotto la stretta sorveglianza cinese perché ritenuto pericoloso.



Geograficamente è situato nella città di Gzhi ka rtse ( Oggi Tibet occidentale chiamata Shigatse, Gtsang ).


La successione dei Panchen lama


Guarda articoli Tibetani Neplesi [QUI]


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Social Icon
  • Instagram_App_Large_May2016_200

LA BOTTEGA DEL TIBET 

Piazzale Cesare Battisti 2 (angolo via Pusterla)  25128 Brescia

Mappa

Chi Siamo

Tel: +393396616912

 scrivici su Whatsapp o SMS è più facile per noi gestire le domande

Grazie

Mail: info@labottegadeltibet.it

Informazioni sulla spedizione

Recensioni dei clienti

ORARIO:

Dal Lunedì al Venerdì: Dalle 09:0 alle 12:00 - dalle 15:00 alle 18:00 

Sabato: Dalle 09:0 alle 12:00 - dalle 15:00 alle 19:00

Domenica chiusi (tranne a Dicembre)