Bandierine Tibetane vietate in Tibet (Cina)


Le autorità hanno affermato che le bandiere di preghiera tibetane devono essere rimosse nella contea di Golog, nel Tibet orientale, con la scusa di sporcare l'ambiente.

Le autorità cinesi hanno ordinato la rimozione delle bandiere di preghiera tibetane dalle montagne, dai monasteri e dai villaggi della Prefettura autonoma tibetana di Golog, nel Tibet orientale, la notizia è stata diffusa da un giornale per il Tibet libero (Tibet Watch) e confermata da più autorità.

Le autorità cinesi hanno ordinato ai cittadini e ai monaci tibetani locali di rimuovere le bandiere, etichettandole come parte di un intervento di risanamento ambientale, secondo fonti di Tibet Watch. 

Le fonti hanno riferito che gli ordini sono stati eseguiti nella contea di Machen e in altre aree della prefettura autonoma tibetana di Golog.

Hanno aggiunto che la pulizia ambientale è iniziata a marzo e continua da allora.

Le bandiere di preghiera tibetane sono tradizionalmente appese nelle aree tibetane sui tetti di case, monasteri, montagne e luoghi sacri.

Rappresentano preghiere per scongiurare il male, diffondere buona fortuna e buona salute.


[Abbiamo scritto un articolo sul loro significato]