Pechino impone il controllo sulla ricerca sul Coronavirus - Fonte CNN

Fonte CNN,

la Cina ha imposto restrizioni alla pubblicazione di ricerche accademiche sulle origini del Coronavirus, questo sospetto è fondato da una direttiva del governo centrale e da comunicazioni online pubblicate da due università cinesi, che sono state in seguito rimosse dal web.

In base alla nuova politica, tutti i documenti accademici su Covid-19 saranno soggetti a controlli supplementari del governo prima di essere inviati per la pubblicazione.

Gli studi sull'origine del virus riceveranno un esame più approfondito e devono essere approvati da funzionari del governo centrale, secondo i messaggi ora eliminati.

Un esperto medico di Hong Kong che ha collaborato con ricercatori della terraferma per pubblicare un'analisi clinica dei casi di Covid-19 in una rivista medica internazionale ha dichiarato che il suo lavoro non è stato sottoposto a tale controllo a febbraio. L'aumento del controllo sembra essere l'ultimo sforzo del governo cinese per controllare le voci sulle origini della pandemia di Coronavirus, che ha causato oltre 100.000 vittime e ha fatto ammalare circa 1,7 milioni di persone in tutto il mondo da quando è scoppiato per la prima volta nella città cinese di Wuhan a Dicembre.


[Stiamo controllando i Dati]

Dalla fine di Gennaio, i ricercatori cinesi hanno pubblicato una serie di studi Covid-19 su importanti riviste mediche internazionali. Alcune scoperte sui primi casi di coronavirus - come quando è apparsa per la prima volta la transizione da uomo a uomo - hanno sollevato domande sul conto ufficiale del governo dell'epidemia e hanno suscitato polemiche sui social media cinesi.

E ora, le autorità cinesi sembrano stringere la presa sulla pubblicazione della ricerca Covid-19.

Un ricercatore cinese che ha parlato a condizione di anonimato per paura di ritorsioni ha affermato che la mossa è stata uno sviluppo preoccupante che probabilmente ostacolerebbe importanti ricerche scientifiche. "Penso che sia uno sforzo coordinato del (il) governo cinese per controllare (la) narrazione e dipingerlo come se l'epidemia non fosse nata in Cina", ha detto il ricercatore alla CNN. "E non credo che tollereranno davvero qualsiasi studio oggettivo per indagare sull'origine di questa malattia."

La CNN ha contattato il ministero degli Esteri cinese per un commento, in attesa di risposta.


La nuova la direttiva emessa dal dipartimento scientifico e tecnologico del Ministero Cinese della Pubblica Istruzione, "i documenti accademici sulla ricerca dell'origine del virus devono essere gestiti in modo rigoroso e rigoroso". La direttiva stabilisce livelli di approvazione per questi documenti, a partire dai comitati accademici delle università.

Devono quindi essere inviati al dipartimento scientifico e tecnologico del Ministero dell'Educazione, che quindi inoltra i documenti a una task force sotto il Consiglio di Stato per il controllo. Solo dopo che le università hanno ricevuto risposta dalla task force, i documenti possono essere inviati alle riviste.

La direttiva si basa sulle istruzioni emesse durante una riunione del 25 marzo tenuta dalla task force del Consiglio di Stato sulla prevenzione e il controllo di Covid-19. Il documento è stato pubblicato venerdì mattina per la prima volta sul sito web dell'Università Fudan di Shanghai, una delle principali università cinesi.

Quando la CNN ha chiamato un numero di contatto lasciato alla fine dell'avviso, un membro del personale del dipartimento di scienza e tecnologia del ministero dell'Istruzione ha confermato di aver emesso la direttiva.

"Non dovrebbe essere reso pubblico - è un documento interno", ha detto la persona, che ha rifiutato di rivelare il suo nome.

Alcune ore dopo, la pagina dell'Università di Fudan è stata rimossa.

Anche la China University of Geoscience di Wuhan ha pubblicato un avviso simile in merito al controllo supplementare sui documenti di Covid-19 sul suo sito Web.

Da allora la pagina è stata eliminata, ma una versione memorizzata nella cache rimane accessibile.

Il ricercatore cinese che ha parlato con la CNN ha affermato che l'avviso è stato emesso pochi giorni fa, aggiungendo che solo la ricerca Covid-19 era soggetta a ulteriori controlli.

David Hui Shu-cheong, un esperto di medicina respiratoria presso l'Università cinese di Hong Kong, ha dichiarato di non aver riscontrato ulteriori controlli quando lui e un team di ricercatori cinesi hanno pubblicato un'analisi clinica dei casi di Covid-19 nel New England Journal of Medicina a febbraio.

"Il processo è stato davvero semplice", ha detto alla CNN al telefono.

Hui ha detto che stava ancora rivedendo la bozza del documento fino alle 3 del mattino del giorno in cui doveva essere presentato, e il documento è stato inviato al NEJM entro mezzogiorno. "Non c'era assolutamente alcuna restrizione", ha detto. "Non so se è perché alcuni ricercatori hanno pubblicato qualcosa che è considerato sensibile in Cina a livello nazionale. (Non sono sicuro che sia a causa della controversia sull'origine del virus in seguito, e delle cose non sensibili diventa anche sensibile ". Origine del virus

Alla fine di dicembre, Wuhan ha riportato i primi casi di coronavirus, collegati dalle autorità a un mercato del pesce in città. Scienziati in Cina e in Occidente hanno affermato che il virus potrebbe aver avuto origine in pipistrelli e saltare dagli umani a un ospite intermedio, proprio come suo cugino che ha causato l'epidemia di SARS nel 2002 e nel 2003.

Tuttavia, parti dei social media cinesi e persino il governo del paese sembrano aver lanciato una campagna concertata per mettere in discussione l'origine del virus.

Funzionari cinesi e media statali hanno ripetutamente sottolineato che non è stata raggiunta alcuna conclusione sull'origine esatta del virus. Il mese scorso, Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha promosso una cospirazione su Twitter secondo cui il virus era nato negli Stati Uniti e portato in Cina dai militari statunitensi.

Yanzhong Huang, un membro anziano per la salute globale del Council on Foreign Relations con sede a Washington, ha affermato che l'origine del coronavirus è diventata un argomento politicamente sensibile in Cina.

"Non sorprende che il governo cerchi di controllare la ricerca scientifica correlata in modo che i risultati non mettano in discussione la propria narrativa sull'origine del virus e la risposta del governo alla crisi", ha detto il professor Huang alla CNN.

"Il pericolo è che quando la ricerca scientifica è soggetta ai bisogni di chi detiene il potere, indebolisce ulteriormente la credibilità della narrativa del governo, rendendo più convincenti le accuse di sottostima e disinformazione".

In Cina, gli articoli di ricerca sul coronavirus sono già sottoposti a strati di controllo dopo essere stati sottoposti a riviste accademiche cinesi, secondo un editore di una rivista medica cinese.

Wang Lan, direttore editoriale del Chinese Journal of Epidemiology, ha affermato che tutti gli articoli di Covid-19 devono passare attraverso un processo di approvazione per "argomenti importanti" dopo essere stati inviati al suo diario.

"È sempre stato così", ha detto alla CNN. "Devono essere approvati da tre livelli di organizzazioni. È un processo lungo."

Il ricercatore cinese che ha richiesto l'anonimato ha affermato, in base alle nuove restrizioni, che la ricerca sul coronavirus che contraddiceva la narrativa ufficiale potrebbe essere soppressa da Pechino.

"Penso che l'importanza sia che la comunità scientifica internazionale deve rendersi conto che qualsiasi rivista o manoscritto di (a) istituto di ricerca cinese è stato in qualche modo ricontrollato dal governo",

ha affermato il ricercatore.

"È importante che sappiano che esistono ulteriori passaggi tra la ricerca scientifica indipendente e la pubblicazione finale". Steven Jiang e Alexandra Lin della CNN hanno contribuito alla segnalazione.


Articolo Fonte: CNN china-coronavirus-research-restrictions "Beijing tightens grip over coronavirus research"

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Social Icon
  • Instagram_App_Large_May2016_200

LA BOTTEGA DEL TIBET 

Piazzale Cesare Battisti 2 (angolo via Pusterla)  25128 Brescia

Mappa

Chi Siamo

Tel: +393396616912

 scrivici su Whatsapp o SMS è più facile per noi gestire le domande

Grazie

Mail: info@labottegadeltibet.it

Informazioni sulla spedizione

Recensioni dei clienti

ORARIO:

Dal Lunedì al Venerdì: Dalle 09:0 alle 12:00 - dalle 15:00 alle 18:00 

Sabato: Dalle 09:0 alle 12:00 - dalle 15:00 alle 19:00

Domenica chiusi (tranne a Dicembre)