Storia delle Campane Tibetane

Le campane tibetane sono un prodotto originale, unico, un qualcosa che ha un significato sicuramente molto ampio e oltre il materiale, non provengono dal tibet, ci dispiace deluderti.


Riguardo la loro provenienza sono originali della zona Nepal-Tibet e India.

E' da escludere che siano effettivamente nate in Tibet, per due motivi:

1) Il Tibet è sempre stato uno stato abbastanza chiuso

2) Il Buddhismo non prevedeva l'utilizzo delle campane tibetane nelle loro usanze antiche. (Altro fattore che sostiene la NON esistenza delle campane tibetane antiche ...)


Non si hanno documenti precisi sulla storia ma possiamo supporre questi fatti...


L'idea di una ciotola di bronzo in grado di emettere il suono risale probabilmente alla Cina, era loro usanza antica plasmare una ciotola in particolari forme che, quando riempite da acqua e sfregate con le mani, producono un certo suono.


Un altro indizio è dato dal Giappone,

anche nella loro antica cultura è emersa la presenza si campane la cui lega di colore molto scuro tendente al nero, la forma più "allungata" ovvero sviluppata verso l'alto e strette, dimostrano l'esistenza di campane giapponesi in grado di produrre suono.


In fine crediamo che in Nepal siano state prodotte le prime Campane tibetane totalmente diverse da come le intendiamo noi.

Infatti la Ciotola Tibetana di oggi è probabilmente un mix tra quelle sopra elencate dato che hanno una forma più sviluppata verso l'orizzontale e vengono suonate con un percussore o batacchio.

La storia insegna però che mendicanti e persone decise a mollare tutti i beni fisici girassero solo con una ciotola chiedendo elemosina.

Probabilmente quelle che conosciamo oggi come campane tibetane sono un'evoluzione di queste ciotole usate per raccogliere offerte e cibo da soggetti tipici del'India e Nepal con una particolare scelta di vita predisposta al rinuncio dei beni terreni e dedizione allo spirito-mente.